Alchimia-nuovi-inizi-problema-soluzione
L'Alchimia dei Nuovi Inizi

Ogni problema ha in sé la soluzione

Per molto tempo ho vissuto e affrontato i problemi come delle scocciature, qualcosa di negativo che sarebbe stato meglio per la mia vita non incontrare.

Attraverso questo sguardo sul problema ho notato che la mia reazione più frequente era, a scelta, una di queste due:

1. girarmi fingendo indifferenza e un po’ come si fa con la polvere nella stanza quando non si ha voglia di pulire: buttare tutto sotto al tappeto.

2. armarmi, pronta a combattere ed andare in cerca, a volte faticosamente, di una soluzione da “conquistare”.

Poi ho scoperto che esiste anche una terza opzione e che, quando ho iniziato a frequentare, ha messo in moto nella mia vita i cambiamenti più incredibili.

La terza strada è quella di guardare il problema in faccia, senza fare finta che non ci sia e senza voltargli le spalle per cercare una soluzione altrove.

Rimanendo in contatto col problema lasciamo che sia lui stesso ad indicare la soluzione, che altro non è che l’altra faccia della medaglia.

Ci vuole coraggio, molto più che per combattere o andare altrove, per guardare in faccia qualcosa che ci fa paura, ci preoccupa, ci agita o rattrista.

Sai cosa significa la parola coraggio? Deriva dal latino “cor-agere” e significa agire con il cuore.

Quando iniziamo a guardare con amore i nostri problemi senza rifiutarli, anzi ringraziandoli per essere arrivati a mostrarci una soluzione, la nostra vita inizia già a trasformarsi.

Ogni problema contiene già la soluzione.

Quando ti apri al cor-aggio di guardarlo e alla pazienza di aspettare arriverà sempre la risposta che, senza sforzo, ti farà fare il prossimo passo in avanti.

COME FARE

Prendi in considerazione la situazione che ora ritieni più problematica o che ti causa malessere, stanchezza, preoccupazione.

Chiudi gli occhi.

Respira mentre vi guardate, tieni la connessione con quella situazione, non abbassare lo sguardo.

Dalle il benvenuto, fai spazio per accoglierla, onorala.

Lascia ora che il “problema” ti parli: può assumere forme, colori, possono arrivare alla tua mente delle parole (se non le capisci subito, non importa).

Rimani tutto il tempo che serve.

Quando vuoi, riapri gli occhi. 

Puoi scrivere da qualche parte alcune suggestioni che ti sono arrivate. Una volta scritte, non pensarci più.